Category: NEWS


Bando A.I.S.A.S.P. rivolto a giovani studiosi per la partecipazione al

17th IUSSI CONGRESS

2014

L’Associazione Italiana per lo Studio degli Artropodi Sociali e Presociali (AISASP – www.aisasp.it), grazie al contributo dell’International Union for the Study of Social Insects (IUSSI – www.iussi.org)

OFFRE

un contributo ai propri soci studenti per la partecipazione al 17° Congresso Internazionale della IUSSI che si terrà il 13-18 Luglio 2014 a Cairns, Australia (http://www.iussi2014.com).

Le singole borse non saranno inferiori a €1600.00. Il numero e l’ammontare delle singole borse, previa eleggibilità dei candidati, sarà stabilito in base alle richieste pervenute ed agli eventuali residui di cassa.

Sono ammessi a partecipare alla selezione per la borsa soltanto giovani studiosi non strutturati (inclusi i dottorandi, assegnisti, borsisti e RTD) che risultino essere soci AISASP e che abbiano presentato al Congresso un contributo, accettato dalla Segreteria Organizzativa del Congresso come relazione orale o poster.

Per concorrere all’assegnazione del contributo, il candidato dovrà inviare una domanda, tramite e-mail alla Segreteria AISASP:

Dott. Lara Maistrello, Dipartimento di Scienze della vita, Università di Modena e Reggio Emilia, Area San Lazzaro, Pad. Besta, Via G. Amendola 2, 42122 Reggio Emilia, Italy (email: lara.maistrello@unimore.it) entro il 24 marzo 2014.

Una commissione composta dai membri del Consiglio Direttivo dell’AISASP deciderà i vincitori dei contributi preparando una lista di candidati in base ai seguenti criteri:

  • Il candidato deve essere un Socio Studente dell’AISASP in regola;
  • Ogni presentazione ha diritto ad un solo contributo AISASP;
  • Il candidato non deve aver ricevuto un contributo per la partecipazione allo stesso evento da parte di un’altra delle sezioni IUSSI (http://www.aisasp.it/?page_id=22);
  • Si darà preferenza agli studenti che hanno proposto un lavoro come primi autori;
  • La selezione tra i candidati sarà effettuata tenendo conto del valore scientifico e dell’originalità del lavoro che intendono presentare e del loro Curriculum Vitae.

I vincitori delle borse riceveranno il rimborso al termine del Congresso e previa invio di copia dell’attestato di partecipazione entro 30 giorni dal termine del congresso. La copia dell’attestato va inviata, preferibilmente per email, alla tesoreria dell’AISASP:

Dr. Cristina Castracani, Dipartimento di Bioscienze, Università degli Studi di Parma, Parco Area delle Scienze 11/a, 43124 Parma (cristina.castracani@unipr.it).

Nella domanda il candidato dovrà indicare:

  1. dati anagrafici (Nome, Cognome, Luogo e Data di Nascita)
  2. indirizzo di residenza
  3. e-mail e/o numero di telefono
  4. Istituto di appartenenza ed indirizzo

dovrà, inoltre, allegare:

  1. Abstract del contributo che intende presentare all’evento
  2. Dichiarazione da parte degli organizzatori di IUSSI2014 dell’accettazione del contributo
  3. Curriculum vitae relativo alla propria carriera universitaria e scientifica

FIRENZE, 13.03.2014

IL DIRETTIVO DELL’ AISASP

2014 Bando Borse di Studio AISASP – IUSSI.pdf

Reggio Emilia, 05 Febbraio 2014

Caro Socio AISASP e/o collega,

questa è la Seconda Circolare relativa a

XV Congresso Nazionale AISASP e 4th AISASP Student Meeting

che si terranno a Reggio Emilia nei giorni 18 e 19 Settembre 2014 presso il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

XV Convegno Nazionale AISASP

Le informazioni relative al congresso sono disponibili online sul sito ufficiale:

www.aisasp2014.wordpress.com

Sono state aggiornate le seguenti pagine:

  • Iscrizione

Sono state inserite le informazioni relative alle modalità, quota e copertura della iscrizione. Si rammenta che la deadline per l’iscrizione anticipata è il 25 aprile 2014. La quota comprende la cena sociale che si terrà il 18 settembre come da programma. E’ inoltre compresa la navetta per chi volesse partecipare all’Entomodena nella giornata del 20 settembre.

  • Abstract

Sono state inserite le informazioni relative alla compilazione ed all’invio dell’abstract. Si ricorda che la deadline per l’invio dell’abstract è il 25 aprile 2014 per permettere poi la valutazione dello stesso da parte del Comitato Scientifico. E’, inoltre, possibile scaricare un fac-simile di abstract già impostato secondo le esigenze editoriali. Il volume degli abstract sarà pubblicato in collaborazione con la Società dei Naturalisti e Matematici di Modena (http://www.socnatmatmo.unimore.it/) e sarà dotato di ISSN.


  • Patrocinio

E’ stato aggiornato l’elenco degli enti patrocinanti l’evento.

4th AISASP Student Meeting

Le informazioni relative al meeting sono disponibili online alla pagina:

http://aisasp2014.wordpress.com/4th-aisasp-student-meeting/

L’obiettivo del meeting è di fornire ai giovani che hanno iniziato da poco la loro carriera nello studio degli insetti sociali un momento ufficiale, ma allo stesso tempo informale, per presentare le proprie ricerche, ed il loro stato di avanzamento, ad un’audience composta prevalentemente da studenti e dottorandi. La partecipazione è quindi aperta e caldeggiata a dottorandi, laureandi e studenti universitari di ogni grado interessati ai temi riguardanti gli artropodi sociali e presociali.

Quest’anno la giornata verterà sugli aspetti applicativi delle ricerche che coinvolgono gli insetti sociali ed avremo come relatore su invito il Dr. Piotr Medrzycki (https://www.researchgate.net/profile/Piotr_Medrzycki/) che lavora presso il Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura, Unità di Ricerca in Apicoltura e Bachicoltura (CRA-API http://www.cra-api.it)

Il meeting si svolgerà nella mattina del 18 settembre 2014 e precederà i lavori del XV Congresso Nazionale AISASP che si apriranno nel pomeriggio dello stesso giorno. Sono previsti interventi da 10 minuti seguiti da circa 10 minuti dedicati alla discussione ed alle domande. Dato che per i dottorandi è prevista la possibilità di esporre le proprie ricerche durante il Congresso AISASP, nella scelta delle comunicazioni orali per lo Student Meeting sarà data priorità ai laureandi.

Allo scopo di organizzare nel dettaglio la giornata, vi invitiamo ad inviare una e-mail di iscrizione entro il 24 aprile 2014 al seguente indirizzo: xvconvegno.aisasp@gmail.com, specificando che si intende partecipare al meeting. Coloro che intendono esporre una presentazione dovranno allegare un breve abstract. Le istruzioni per l’invio e la redazione dell’abstract sono disponibili al seguente link: http://aisasp2014.wordpress.com/4th-aisasp-student-meeting/

Per ulteriori informazioni relative sia al Congresso Nazionale che allo Student Meeting, potete contattare gli organizzatori alla seguente email:

xvconvegno.aisasp@gmail.com

Soci Organizzatori:

Dr. Lara Maistrello – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Dr. Cristina Castracani – Università degli Studi di Parma

Dr. Andrea Luchetti – Università degli Studi di Bologna

Distinti saluti,

IL COMITATO ORGANIZZATIVO

Seconda Circolare – AISASP2014 – 4STUDENTMEETING.pdf

Cara/o collega,
siamo lieti di invitarTi alla prossima edizione del Convegno Nazionale AISASP che si terrà a Reggio Emilia dal 18-19 settembre 2014 e sarà organizzato presso la sede di Reggio Emilia del Dipartimento di Scienze della Vita. Il convegno sarà preceduto nella mattinata di giovedì 18 settembre dall’AISASP Student Meeting, giunto alla quarta Edizione.

Qui di seguito potrai scaricare la prima circolare:

XV Convegno Nazionale AISASP e 4th AISASP Student Meeting – Prima Circolare

Potrai trovare ulteriori informazioni al sito

www.aisasp2014.wordpress.com

Un ricordo del Prof. Giorgio Celli

Giorgio Celli, grande amico delle api

Seppur l’anniversario della morte del prof. Giorgio Celli, è passato da qualche giorno (11/6) mi piace ricordarlo sulla rivista della FAI (Federazione Apicoltori Italiani): ricordare la figura e la personalità di Giorgio Celli significa fare un favore, non solo al mondo dell’apicoltura e ai suoi più stretti collaboratori, ma soprattutto a tutti gli amanti degli insetti, degli animali e dell’ambiente. Significa anche ricordare con affetto un personaggio, a volte poco compreso, ma da noi, che cerchiamo di essere entomologi, molto apprezzato e stimato. Giorgio Celli era sì un collega ma, soprattutto, un amico.

Giorgio Celli (Verona, 1935 – Bologna, 2011) è stato indubbiamente un uomo di multiforme ingegno: scienziato, (etologo, entomologo) attore, scrittore, poeta, presentatore televisivo, uomo politico e docente universitario (Tecniche di lotta biologica presso l’Università di Bologna).

Si è sempre dedicato all’attività scientifica e, nello stesso tempo, non ha trascurato quella letteraria: Celli ha firmato, infatti, numerosi romanzi, nella cui ambientazione emerge spesso il suo amore per gli animali. Dal 1999 al 2004 fu parlamentare europeo per i Verdi ed era debitore alla tv per la sua notorietà, per RAI 3, infatti, condusse il programma “Nel regno degli animali”. E’ stato anche autore teatrale e di poesie: nel 1975 vinse il premio Pirandello con “Le tentazioni del professor Faust”, e sue pièces sono state rappresentate al Festival del Due Mondi di Spoleto. Informazioni più dettagliate si possono trovare nella nota bio-bibliografica del box qui a fianco, tratta per la maggior parte dal libro-intervista “L’animale che immagina” di Claudio Beghelli e Giorgio Celli pubblicato, nel 2013, da Prospettivaeditrice (Civitavecchia-Roma) e gentilmente concessa: qui sono riportate numerose sue opere letterarie ma non ci sono quelle scientifiche.

Approfitto di questo spazio, per raccontare come Giorgio sia stato importante per la mia scelta di operare in ambiente entomologico. Tento di spiegarmi meglio richiamando un ricordo personale per me significativo.

Io sono piacentino e a Piacenza ho frequentato, a metà degli anni ’70, il liceo classico “M. Gioia”. In quegli anni avevamo “messo su” (con altri amici, tutti studenti del liceo) un gruppo teatrale; si chiamava “La Canea” e, com’era in uso allora, si dedicò a rappresentazioni nelle scuole con tanto di dibattito con gli studenti.

Io ero abbonato alla rivista di teatro “Sipario” che in ogni numero pubblicava un testo di un autore contemporaneo italiano. Rimasi colpito dal testo “Il sonno dei carnefici”, pubblicato nel 1974 e dalla biografia di un certo Giorgio Celli.

Per la prima volta, lessi il termine “entomologo”; non sapevo cosa volesse dire! Andai a vedere sul dizionario: “studioso di entomologia, branca della zoologia che studia gli insetti”. Mi piacque questo binomio: teatro ed entomologia! Fino ad allora non sapevo niente sugli insetti; da quel momento l’associazione è sempre stata nel mio cuore.

E il tema che sto affrontando in questi anni (L’ape nell’arte) è un po’ un ritorno agli studi liceali; mi son messo, infatti, assieme a un mio compagno di scuola, prof. Stefano Fugazza (direttore della pinacoteca comunale “Ricci Oddi” di Piacenza): “tu sai di arte, io qualcosa di api, facciamo un viaggio sulle rappresentazioni artistiche (pittura e scultura soprattutto) delle varie età e correnti artistiche che prevedano la presenza dell’ape”. Dopo anni riesco a coniugare due aspetti che hanno caratterizzato la mia formazione: quello umanistico e quello scientifico. Stefano Fugazza è deceduto, con grande mia tristezza (tumore cerebrale); oggi mi da una mano il dott. Giuseppe Bergamini, direttore dei musei civici diocesani di Udine.

Devo essere sincero, questo “viaggio” è possibile grazie a internet! Farlo negli anni scorsi, sarebbe stato molto difficile!

Nell’ambito del piano di ricerche approfondite dal prof. Giorgio Celli di assoluta importanza furono le seguenti. Per una miglior illustrazione, prendo in prestito quanto ritrovato nella bella Commemorazione tenuta dal prof. Stefano Maini (Università di Bologna) nella Seduta pubblica dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia (Firenze, 19 novembre 2011) e pubblicata negli Atti della stessa (Anno LIX, 2011: 51-66).

Nell’entomologia applicata, in collaborazione con il Centro Agricoltura e Ambiente “Giorgio Nicoli” di Crevalcore (Bologna), di cui è stato tra i fondatori, Giorgio Celli, con i suoi collaboratori, ha affrontato la lotta biologica (detta anche naturale) agli artropodi dannosi alle piante coltivate seguendo le strategie agroecologiche. A questo proposito, molto volentieri ricordo le sperimentazioni, svolte in collaborazione con il “gruppo Celli” che hanno riguardato la liberazione dell’oofago Trichogramma maidis Pint. e Voeg. (oggi T. brassicae Bezd.) in colture di mais di località friulane. L’azione di questo imenottero ha determinato un’elevata parassitizzazione delie ovature di piralide (Ostrinia nubilalis) di prima generazione; tuttavia ciò non ha inciso sui livelli di presenza del fitofago della seconda generazione. Quelle prove hanno poi consentito lo sviluppo di altri lanci di parassitoidi e predatori nelle serre e il susseguente progetto della prima biofabbrica di insetti utili

Il prof. Stefano Maini, nella stessa Commemorazione ha citato quanto scritto dal dottor Paolo Radeghieri: “La sua “lunga marcia” come amava definirla, contro lo spreco d’insetticidi in agricoltura, che credo rappresenti l’eredità più importante per noi entomologi usciti dalla sua scuola, lo vide esporsi, quasi voce solitaria o assieme a qualche sparuto collega, nel panorama accademico del nostro paese. Negli ultimi anni, e ne andava molto fiero, molti dei suoi detrattori gli hanno voluto riconoscere che aveva visto giusto nel promuovere una produzione agricola meno impattante sull’ambiente. Il suo impegno civile continuo nei confronti della difesa dei diritti degli animali e dell’ambiente ne ha fatto un’icona tra gli animalisti che lo hanno soprannominato “il papa dei gattolici”. Il dottor Claudio Porrini, stretto collaboratore di Giorgio Celli, ha scritto: “Il percorso di ricerca che abbiamo fatto insieme per la messa a punto dello “strumento” ape ai fini di un suo utilizzo nell’ambito della bioindicazione è stato affascinante e coinvolgente”. Il prof. Maini ha scritto: “Il progetto ape-indicatore biologico dei pesticidi, radionuclidi, metalli pesanti, ecc. è stato, grazie a Giorgio, un punto di riferimento per il territorio nazionale e modello per lo sviluppo di programmi analoghi a livello internazionale. In merito all’apidologia, Giorgio Celli si dedicò, fin dagli anni ’70, alla salvaguardia dell’ape, purtroppo ancora molto soggetta a soffrire degli effetti collaterali nefasti dei pesticidi”. Sempre dalla Commemorazione del prof. Maini: “Nel suo libro del 2008 “La mente dell’ape” riprende, in modo simpatico e divulgativo, il drammatico tema dei pesticidi. Riporto, parola per parola, quanto ci racconta Giorgio per bocca di Sherlock Holmes:

“La diffusione di molecole, vecchie e nuove, che investono da più di cinquant’anni il campo coltivato, contaminando tutto il territorio, sta ponendo le premesse per una catastrofe ecologica. Si tenga anche conto che, come il campo coltivato, anche alveare è soggetto a numerosi interventi chimici, per combattere i nemici dell’ape. Questo diluvio chimico non può non avere delle brutali conseguenze nella semplificazione della biodiversità. Ci accorgiamo delle api che scompaiono, perché le alleviamo, ma quanti altri insetti utili stanno scomparendo? In primavera si vede volare solo qualche errabonda farfalla”.

In conclusione a questo mio brevissimo ricordo, desidero ”lanciare” un caloroso invito a leggere il libro che ho citato. L’ho trovato bello e interessante: mi è piaciuta molto e ho potuto apprezzare ancora di più la grandezza di Giorgio Celli.

Renzo Barbattini

Università di Udine

Didascalia della foto: Il Prof. Giorgio Celli in una foto scattata dal figlio Davide con uno dei suoi tanti gatti (da Bulletin of Insectology 64 (2): 279 -287, 2011)

Curriculum di Giorgio Celli

Cari Soci,

vi inoltro queste informazioni a proposito del primo avvistamento italiano della

Vespa velutina

Potete trovare informazioni relative alla biologia di questo insetto al seguente link

http://www.cari.be/medias/actuapi/actuapi55.pdf

Cristina Castracani

PROTOCOLLO FAI n. 1307 – 29 Maggio 2013

Alla Giunta Esecutiva FAI.
Al Consiglio Direttivo FAI.
Ai Presidenti di FAI Veneto, FAI Marche, FAI Lazio, FAI Abruzzo, FAI Molise, FAI Calabria, FAI Sicilia.
Al Presidente di FAI Lodi-Milano.

Ai Presidenti delle Associate FAI.
Agli Associati Singoli, Sostenitori, Benemeriti.

LORO SEDI

Cari Colleghi,

È mio dovere informarVi che “Vespa Velutina” è stata segnalata per la prima volta in Italia.
L’imenottero asiatico (originario della Cina) si è introdotto in Francia dal 2006 arrecando gravi danni agli allevamenti apistici dei nostri colleghi d’Oltralpe; attraverso il confine con la Francia questa vespa sta ora transitando alle nostre frontiere e il suo primo rinvenimento, reso ufficialmente noto in questi giorni, risale allo scorso mese di novembre 2012.
Ulteriori dettagli sulla natura dell’azione distruttiva di questo nemico degli alveari saranno a breve disponibili sul portale internet della Federazione dove stiamo intanto pubblicando la notizia del rinvenimento così come ci è stata segnalata dall’Università degli Studi di Torino.
L’esperienza dei nostri colleghi francesi e le informazioni di cui già disponiamo, riferite alla capacità distruttiva di Vespa velutina e alla sua velocità di spostamento sul territorio, suggeriscono e motivano l’attivazione di uno stato di allerta per tutta l’apicoltura italiana.
Cordiali saluti.

Raffaele Cirone
Presidente FAI


FAI – Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT – 00186 ROMA (RM)
Telefono:
+39 06 6877175 - Telefax: +39 06 6852287
Posta elettronica: presidenza@federapi.biz – Portale internet: www.federapi.biz – Skype: faiskype.it – PEC: federapi@pec.it

AGGIORNAMENTO SITO INTERNET

Cari Soci,
come sapete stiamo da tempo cercando di migliorare, passo dopo passo il sito della nostra associazione.
Avevamo in programma da tempo l’obiettivo di organizzare meglio la pagina dei soci membri dell’associazione e sopratutto quella delle pubblicazioni. Al momento infatti è molto caotica, altrettanto incompleta e poco informativa. Vorremmo quindi organizzarla in modo più efficiente.

Probabilmente molti di voi avranno già una loro pagina web personale o una pagina dove sono elencate le informazioni della vostre linee di ricerca o una pagina sulle pubblicazioni (LinkedIIn, ResearchGate, Google Scholar, ResearcherID, Orchid, etc.). Vorremmo quindi creare una pagina con l’elenco dei soci con associato ad ogni nome uno o più link che ritenete opportuni.

Vi chiediamo gentilmente di spedire a David Baracchi (david.baracchi@gmail.com) semplicemente una mail con:

1. Nome e Cognome
2. Link che volete siano associati al vostro nome

Vi suggeriamo un elenco di link che potreste mettere a vostra discrezione:
pagina/sito personale
pagina/sito dell’unità di ricerca/Dipartimento/Struttura di Appartenenza
pagina/sito delle proprie pubblicazioni
pagina/sito dei propri progetti
altro
Se infine avete tempo/voglia potreste anche scrivere un brevissimo riassunto (dalle 2 alle 8 righe massimo dove descrivete la vostra linea di ricerca).
Successivamente penserà David a creare una pagina e organizzare le informazioni sul sito.

Grazie a tutti per la collaborazione,
David Baracchi e Cristina Castracani

Scomparsa del Socio Giovanni Sbrenna

Cari Soci,
è con grande dolore e commozione che vi comunichiamo la scomparsa  del Prof. Giovanni Sbrenna, socio fondatore dell’AISASP, già membro del direttivo e da poco eletto socio onorario assieme alla moglie Anna Micciarelli Sbrenna.
Scienziato di fama internazionale, studioso di morfofisiologia e socialità degli insetti, è stato Professore di Zoologia presso l’Università di Ferrara dagli anni ’70, profondamente apprezzato per le sue doti umane e di docente da numerose generazioni di studenti e colleghi.

Il Direttivo AISASP, facendosi portavoce del pensiero di tutti i soci, partecipa al cordoglio per la morte del caro amico e collega.
Tutti noi abbiamo avuto modo di conoscere ed apprezzare le sue doti scientifiche e il suo impegno e dedizione nello studio degli insetti sociali. Giovanni, tuttavia, ci mancherà non solo per questo, ma soprattutto per la sua simpatia e gentilezza d’animo.

IL DIRETTIVO AISASP

EVENTO: Parma Darwin Day 2013

Vi aspettiamo numerosi al

Parma Darwin Day 2013

15 Marzo 2013

Partecipate al Concorso Evolutivo!

PUBBLICAZIONE: I mieli del Carso

Ecco una pubblicazione del nostro socio Renzo Barbattini

Tecniche per la Valorizzazione dei Mieli del Carso

ANNA MICCIARELLI-SBRENNA e GIOVANNI SBRENNA

Il direttivo AISASP è lieto di comunicare a tutti i soci di aver  conferito ai coniugi Sbrenna la nomina di SOCI ONORARI.

Tra i soci fondatori dell’associazione, hanno sempre sostenuto con passione e dedizione l’AISASP contribuendo al suo sviluppo e promuovendone le attività, ispirando e motivando molti giovani allo studio degli insetti sociali. Le loro ricerche, in particolare su termiti e apoidei si sono svolte presso l’Università degli Studi di Ferrara.

Web masters: David Baracchi & Cristina Castracani; email: david.baracchi@gmail.com email: cristina.castracani@nemo.unipr.it
Page Rank"